GG Team Wear BN5 k.o. a Cosenza per 5-3: arbitraggio incommentabile - I AM CALCIO BENEVENTO

GG Team Wear BN5 k.o. a Cosenza per 5-3: arbitraggio incommentabile

A. Collarile, Pres. On. GG Team Wear BN5
A. Collarile, Pres. On. GG Team Wear BN5
BeneventoCalcio a 5

Terzo ko in questa stagione per il GG Team Wear Benevento 5, sconfitto sul campo del Pirossigeno Cosenza (5-3) con i sanniti che hanno vanificato nella ripresa il vantaggio di 3-1, complici anche delle decisioni arbitrali molto discutibili.

In avvio calabresi subito in vantaggio con Poti, ma sessanta secondi dopo Arvonio ha ristabilito la parità. All’8 la rete di Milucci ha permesso ai giallorossi di portarsi sull’1-2 e nei restanti minuti non sono mancate le occasioni su entrambi i fronti, con il palo che ha salvato Mambella su un tiro di Sanz.

Nella ripresa, una ripartenza finalizzata da Rennella al 6’ (assist di Arvonio) ha consentito ai sanniti di portarsi sull’1-3, ma il Cosenza si è rifatto sotto un minuto dopo con il 2-3 di Petragallo. Al 9’, invece, è stato il palo a strozzare in gola l’urlo di gioia al giallorosso Brignola. Il match, poi, ha subito una svolta al 12’ quando la coppia arbitrale ha concesso un penalty ai calabresi per un mani in area di Vega, in un’azione viziata da un netto fallo ai danni di Mambella che stava facendo partire il contropiede. Dal dischetto Gallitelli ha messo a segno il 3-3 e poco dopo le due giacchette nere hanno nuovamente danneggiato i sanniti con il rosso a Brignola, reo di aver interrotto una chiara occasione da gol, ignorando del tutto la posizione di Vega che era appostato in area di rigore. Con l’uomo in più, il Cosenza ha trovato subito il 4-3 con un sinistro all’incrocio dello stesso Gallitelli. Sul versante opposto un fallo ai danni di Caliendo ha permesso al Benevento di usufruire di un calcio di rigore, ma dal dischetto Milucci si è fatto respingere la conclusione da Gallo. Nel finale i giallorossi hanno provato il tutto per tutto schierando l’uomo di movimento, ma dopo una palla persa in attacco, Bavaresco ha messo a segno il definito 5-3 con un tiro dalla lunga distanza con la porta sguarnita. Di Arvonio l’ultimo sussulto con la traversa che ha impedito al Benevento di rientrare in partita.

Duro il commento di Antonio Collarile, presidente onorario del sodalizio sannita: «A Cosenza – spiega – la gara è stata correttissima e molto bella, ma a deciderla, all’improvviso, ci ha pensato uno dei due arbitri che per giustificare suoi errori, a fine partita, si è rivolto al sottoscritto dicendo che non era tenuto a fornire alcuna spiegazione perché la colpa della sconfitta era da attribuire ai nostri calcettisti, ritenuti scarsi avendo sbagliato tanti gol. Ho trovato queste frasi molto gravi e non sapevo che chi dirige le partite abbia anche il ruolo di opinionista. Spero davvero che chi è chiamato a valutare l’operato degli arbitri abbia visto quello che è successo a Cosenza. Non è la prima volta che veniamo danneggiati in questa stagione».

Nel prossimo turno il GG Team Wear Benevento 5 (12) ospiterà al «PalaTedeschi» la Polisportiva Futura che ha due punti in più in classifica dei giallorossi.

Ufficio stampa GG Team Wear Benevento 5

La Redazione