Benevento. Caserta: "Col Pordenone vietato abbassare la guardia" - I AM CALCIO BENEVENTO

Benevento. Caserta: "Col Pordenone vietato abbassare la guardia"

Mister Fabio Caserta, Benevento
Mister Fabio Caserta, Benevento
BeneventoSerie B

Giorno di conferenza stampa per mister Fabio Caserta, allenatore del Benevento, alla vigilia della gara contro il Pordenone. I giallorossi, che non avranno a disposizione Letizia, fermato da un infortunio, affronteranno i "ramarri" reduci dalla prima vittoria stagionale arrivata nel turno infrasettimanale. Queste le parole dell'allenatore della Strega:

"Sau ha subito un pestone a Vicenza ma sta bene e si è allenato. Improta, dopo essere stato fermo due mesi, ha fatto due gare ravvicinate ed accusa un po' di stanchezza ma, se avrà recuperato, giocherà anche domani.

Questa squadra può giocare con la difesa a 3. L'infortunio di Letizia è capitato pochi giorni fa e quindi non abbiamo ancora avuto modo di lavorarci abbastanza. Cominceremo come sempre a quattro e poi, se ce ne sarà necessità, passeremo a tre. Sceglierò il sostituto in base all'avversario.

Nei due giorni abbiamo fatto allenamenti leggeri in modo da far recuperare al massimo tutti. Avremo un match contro una squadra difficile da affrontare, al di là della classifica che è figlia di un inizio difficile. E' la terza partita in una settimana e andrà affrontata nel giusto modo soprattutto mentalmente. Se giochi contro una diretta concorrente le motivazioni salgono da sole, domani dovremo essere bravi a darcene abbastanza da soli.

Il Pordenone non ama il giro palla ma verticalizza subito, sono bravi a difendersi e ripartire. Ogni partita è diversa dalle altre e dovremo essere bravi a leggerla nel modo giusto colpendo l'avversario al momento opportuno senza forzare le giocate. Ci vorrà pazienza perché non in tutte le partite si può segnare subito.

Tra Di Serio e Moncini non ci sono gerarchie: scelgo in base alle loro caratteristiche ed in funzione dell'avversario. A centrocampo ho ampia scelta e deciderò domani prima della gara.

Come sempre penso partita dopo partita, non penso alla Fiorentina e alla classifica: il presente è una gara difficile contro il Pordenone.

Dopo una retrocessione non è mai facile ripartire e lo dimostra anche il cammino del Parma e del Crotone. I miei ragazzi sono stati bravi proprio a resettare e a ricominciare. 

Letizia è un calciatore fondamentale perché ci da qualità e quantità ma ci sono elementi in rosa che non faranno mancare il proprio apporto seppure con caratteristiche diverse da quelle di Gaetano".

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO Serie B