Benevento. Caserta: "La squadra ha voglia di lottare: ne usciremo" - I AM CALCIO BENEVENTO

Benevento. Caserta: "La squadra ha voglia di lottare: ne usciremo"

Mister Fabio Caserta, Benevento
Mister Fabio Caserta, Benevento
BeneventoSerie B

Giorno di conferenza stampa per mister Fabio Caserta, allenatore del Benevento. I giallorossi sono attesi domani alle ore 14 dall'impegno contro la Reggina al "Vigorito". Queste le parole del tecnico dei sanniti ai media dalla sala stampa dell'impianto cittadino:

"Letizia a sinistra ed Elia a destra è una soluzione che potrebbe essere riproposta anche domani. A metà campo, contro il Pisa, i ragazzi mi sono piaciuti e anche in questo caso si potrebbero rivedere le stesse scelte ma mi riservo fino a domani per decidere. Al di là di chi scenderà in campo, quella di domani è una partita importante perché veniamo da tre sconfitte. In particolar modo l'ultima fa molto male perché, pur giocando bene, non abbiamo portato a casa punti. Ci siamo allenati molto bene e siamo pronti alla sfida.

La squadra la sento mia a prescindere dai risultati. Se proponi delle cose durante la settimana e poi le rivedi sul campo in partita è prova tangibile che la squadra ti segue.

I calciatori sono importanti sia se giocano dal 1' che se subentrano a gara in corso. Valuto sempre chi può essermi utile a gara in corso in base a come si evolve la partita. Questo vale per Brignola come per tutto il resto della rosa.

Se analizzo il risultato di Pisa non posso essere soddisfatto ma dal punto di vista del gioco non rimprovero nulla. Capitano dei momenti positivi così come quelli negativi durante i quali ti gira tutto storto. Le sconfitte sono state frutto di episodi a noi negativi. Tramite lavoro e sacrificio possiamo superare questo momento. Anche la vicinanza dei tifosi sarà determinante per far passare questa negatività.

La classifica non va guardata ma ci sono tanti lati positivi. Questa squadra ha voglia di lottare sempre e di dimostrare di poter fare un campionato importante sapendo che non sempre tutto può andare bene. 

La frenesia può essere deleteria come quando forziamo la giocata per fare gol subito: in qualche partita ci è capitato. In altre abbiamo commesso errori individuali sotto porta. Dobbiamo essere più cattivi e limare gli errori: quello che ci manca è proprio una maggior precisione alla conclusione.

Di ogni gara analizzo non solo il risultato ma anche la prestazione. Fino ad oggi solo il Lecce ci ha messo in difficoltà tatticamente, nelle altre partita abbiamo sempre giocato e creato occasioni, anche se non le abbiamo sfruttate a dovere. La strada che abbiamo intrapreso è quella giusta, serve concentrazione e cercare di portare a casa, già da domani, i tre punti.

Io non vedo fatica da parte nostra ad imporre il nostro gioco. In qualche circostanza abbiamo anche sofferto ma è normale. Abbiamo calciatori giovani a metà campo, che è anche il reparto che ha subito la maggior rivoluzione rispetto al passato. Bisogna dare loro tempo, anche se spesso di tempo non ce ne è.

La Reggina subisce pochi gol e questa è la conferma che è una squadra bene organizzata e di categoria. Io penso a noi, però: se avremo più cattiveria, pur rispettando l'avversario che ha numeri importanti, potremo fare sicuramente bene. 

Paleari? Non so se giocherà ancora con la maschera, probabilmente si, ma l'importante è che giochi".

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO Serie B