Benevento. Caserta: "Questa piazza per me è una occasione importante" - I AM CALCIO BENEVENTO

Benevento. Caserta: "Questa piazza per me è una occasione importante"

Mister F. Caserta, Benevento
Mister F. Caserta, Benevento
BeneventoSerie B

E' arrivato il giorno della presentazione per mister Fabio Caserta, nuova guida tecnica del Benevento. Il neo allenatore giallorosso ha risposto alle domande dei media dalla sala stampa del "Vigorito":

"Mi fa piacere di far parte di questo progetto in una piazza importante. Sono conscio delle ferite lasciate dalla retrocessione e conosco le difficoltà. Allo stesso tempo c'è da parte mia e della società la voglia di ripartire facendo un campionato importante, lottando su tutti i campi. Sono convinto di lavorare con persone importanti e sono contento della scelta fatta. Il consiglio che posso dare, soprattutto a me stesso, è di voltare pagine e pensare a ciò che dobbiamo fare e non a quello che è stato fatto: è l'inizio di un nuovo percorso. Dobbiamo riportare entusiasmo in città e tra i tifosi.

Il sistema di gioco che mi piace è il 4-3-3 anche se mi baso sempre sul materiale umano a disposizione. Nella mia carriera ho cambiato tanto in base alle caratteristiche dei giocatori. Sono convinto che quello che vai a mettere in campo dipende dall'interpretazione che si da ad un certo modulo. Per quanto riguarda la rosa ne parleremo con la società, ci sarà modo e tempo. Abbiamo ottimi elementi e sarà la società a valutare anche in base all'andamento del mercato.

Voglio ringraziare il Perugia, i miei calciatori, la piazza ed il presidente Santopadre per quanto vissuto; non voglio commentare quanto detto dal mio ex presidente perché sono una persona che parla poco e quando lo fa, lo fa in privato. Voglio farmi apprezzare dai beneventani per il lavoro che svolgerò sul campo.

Benevento per me è una occasione importante per gli obiettivi ed il blasone della società: voglio sfruttarla al meglio.

Per quanto riguarda il mercato, io faccio l'allenatore e la società farà le scelte giuste per noi. Il direttore sa quali qualità voglio nei calciatori e mi fido di lui. Dobbiamo lavorare tutti insieme. Sau e Improta sono calciatori importanti e li conosco bene per averci giocato insieme ai tempi della Juve Stabia.

Non conoscevo il presidente Vigorito di persona ma conoscevo la sua storia in questa piazza: so che è un presidente ambizioso e che non ama perdere, sotto questo aspetto siamo uguali. Il direttore Foggia lo conosco meglio ma la cosa importante è che abbiamo la stessa visione del calcio. Non mi definisco né "giochista" né "risultatista", sono una via di mezzo: non ho un credo specifico. Sono una persona pratica e voglio che le mie squadre ottengano il risultato voluto sia con le giocate belle che con quelle sporche.

Modelli? Conte mi è sempre piaciuto perché da un'impronta alla propria squadra e tutta la squadra lo segue.

La presenza di Gori ci darà una grossa mano perché conosce benissimo la piazza; è un ragazzo positivo e volenteroso e sono contento di trovare un bravo ragazzo ed un ottimo professionista nel mio staff.

La nostra sarà una squadra che deve lottare dal primo all'ultimo minuto. Non voglio mai vedere mollare fino all'ultimo minuto. La rosa è importante ma di mercato ci sarà tempo e modo per parlarne".

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO Serie B