Milan-Benevento 2-0: Calhanoglu-Hernandez decidono, giallorossi vivi - I AM CALCIO BENEVENTO

Milan-Benevento 2-0: Calhanoglu-Hernandez decidono, giallorossi vivi

T. Hernandez, Milan
T. Hernandez, Milan
BeneventoSerie A

Il Milan per la Champions League, il Benevento per la salvezza in massima serie: queste le motivazioni che spingeranno rossoneri e giallorossi alla caccia della vittoria nel match del “Meazza”.

Pioli non rischia Calabria e Kjaer, che siedono in panchina, e schiera al loro posto Dalot e Tomori; Inzaghi, con Dabo dal 1’ ed Hetemaj, diffidato in panchina, torna al 4-3-2-1 e si affida all’estro di Iago Falque che ritrova dopo circa due mesi una maglia da titolare dietro alla unica punta, Lapadula.

Dopo 6’, al primo vero affondo, il Milan passa in vantaggio. Azione di Calhanoglu in combinazione prima con Kessie e poi con Saelemaekers: il turco, dopo due triangolazioni, deposita in rete con un preciso colpo che manda la palla alla sinistra di Montipò. Il Benevento prova a replicare al 12’: lancio dalle retrovie per Lapadula che si inserisce bene in area ma non riesce nell'aggancio e la palla termina sul fondo. La gara è giocata a ritmi alti ed i capovolgimenti sono frequenti. Al 13’ il Milan sfiora il raddoppio: prima ci prova Saelemaekers dalla destra dell'area piccola ma Montipò respinge; la sfera termina sui piedi di Ibrahimovic ma il suo tiro è debole ed il portiere giallorosso non ha problemi. Sulla ripartenza del Benevento, Ionita ci prova dalla distanza ma Donnarumma mette in angolo. Il corner non ha effetti ed il Milan può ripartire in contropiede ma Leao trova ancora una volta Montipò a respingere la sua conclusione. Al 38’ ci prova Hernandez con una bordata destinata all'incrocio ma Montipò vola a respingere. Allo scadere dei 3’ di recupero, Ibrahimovic prova il destro ma trova ancora una volta l’estremo difensore giallorosso a dire di no. La prima frazione si chiude, quindi, con il Milan in vantaggio di misura.

La ripresa si apre con un’occasione per Ibrahimovic che va al sinistro potente sul primo palo ma Montipò, con i piedi, mette in corner. Al 55’ Ibrahomovic, chiede ed ottiene il triangolo con Saelemaekers, si trova davanti a Montipò, calcia ma il portiere sannita respinge ancora una volta. Il Milan concretizza gli sforzi offensivi al 60’: Hernandez serve Ibrahimovic, mettendolo davanti a Montipò; lo svedese calcia col sinistro ma il portiere giallorosso respinge ancora; la palla, però, questa volta termina sui piedi di Hernandez, che aveva seguito l’azione, ed il francese, da pochi passi, appoggia in rete. Girandola di sostituzione sia per Pioli che per Inzaghi ma l’inerzia del gioco non cambia. All’86’ Diaz, appena entrato, viene servito da Castillejo in area: lo spagnolo strozza troppo il sinistro e la palla termina sull’esterno della rete alla destra di Montipò. Il signor Calvarese, arbitro dell’incontro, concede 5’ di recupero al termine dei quali decreta la fine delle ostilità: il Milan batte il Benevento per 2-0 e tiene vive le proprie possibilità di qualificazione alla Champions; i giallorossi di Inzaghi avranno nel prossimo match contro il Cagliari l’occasione più grande per conquistare la salvezza.

IL TABELLINO

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:MILAN BENEVENTO Serie A