Benevento. Letizia: "Brutto stare fuori, ora uniti per la salvezza" - I AM CALCIO BENEVENTO

Benevento. Letizia: "Brutto stare fuori, ora uniti per la salvezza"

BeneventoSerie A

Gaetano Letizia, terzino del Benevento, grande assente questa sera nella sfida contro il Milan, è stato intervistato dal canale ufficiale della Lega Serie A. La stagione dei giallorossi e la sua storia personale gli argomenti toccati.

STORIA - La mia storia è una favola. Partito dalla Promozione, a 16/17 anni lavoravo fino all'alba in un bar e consegnavo caffè. Poi, dopo il turno, andavo agli allenamenti. Io, mio padre e la mia famiglia abbiamo fatto tanti sacrifici per arrivare al calcio che conta. Sono orgoglioso di me stesso perché non mi ha mai regalato niente nessuno.

LO STOP - Brutto stare fuori e guardare gli altri che giocano. Mister Inzaghi mi ha fatto credere in me stesso e che mi ha detto che se avessi lavorato su tutti i fondamentali in allenamento sarei diventato un ottimo giocatore. La sua dote migliore è quella che lo fa stare sempre sul pezzo, senza tralasciare nessun particolare. 

LA CROSTATA - Stavo facendo merenda e, dietro di me, è arrivato il mister. Mangiavo una crostata, l'avrei buttata via ma era tardi. Per un paio di giorni non mi ha parlato: è preciso sull'alimentazione. Poi mi sono allenato forte per qualche giorno e mi ha parlato di nuovo.

SALVEZZA - In un anno possono esserci gli alti e bassi. Dobbiamo unirci ancora di più per centrare la salvezza. Vorrei fare ancora un gol: potrebbe essere quello decisivo per il nostro obiettivo.

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO Serie A
G. Letizia, Benevento
G. Letizia, Benevento