Vigorito: "Superlega? Se impoverisci la gente poi qualcuno si ribella" - I AM CALCIO BENEVENTO

Vigorito: "Superlega? Se impoverisci la gente poi qualcuno si ribella"

Il Pres. O. Vigorito, Benevento
Il Pres. O. Vigorito, Benevento
BeneventoSerie A

Il presidente del Benevento, Oreste Vigorito, ha espresso la propria opinione sulla questione Super Lega che ha tenuto banco negli ultimi giorni per poi sciogliersi come neve al sole tra ieri sera e stamattina travolta dalla "insurrezione" dei tifosi, in special modo inglesi, contrari al nuovo format. Queste le parole del massimo dirigente della Strega alla Adnkronos:

"Il problema principale è il modo con il quale è stata condotta la faccenda: fa davvero sorridere. Mutualità? L'elemosina non serve ma abbiamo bisogno di un sistema sano nel quale si possano riequilibrare ricavi e costi.

La vicenda l'ho seguita perché, essendo presidente di una squadra di calcio, sono parte interessata ma lo sono anche nelle vesti di semplice cittadino e di amministratore di una società. Il tentativo di golpe è fallito perché non si è considerata quella che sarebbe stata la reazione del popolo del calcio. Qualcuno, ogni tanto, si arroga il diritto di dettare ritmi e tempi a tutti senza considerare, volutamente o meno, la parte social-popolare del calcio. 

Il movimento calcistico, che riguarda miliardi di persone, non può essere governato da 12 società che vogliono tutelare i propri interessi economici: sono libere di farlo ma non impoverendo gli altri; viceversa si dovrebbero fare delle riforme che riequilibrino ricavi e costi senza danneggiare i più deboli. Ricordate quando, ai tempi delle monarchie assolute, i reali dilapidavano i loro patrimoni in feste e costruzioni e poi gravavano il popolo con nuove tasse? Alla fine si arrivò alla rivoluzione sia in Francia che a Napoli. Se togli il pane alla gente comune, alle società più piccole e all'intero sistema è normale che poi qualcuno si ribella".

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO Serie A