Lazio-Benevento 5-3: Immobile torna al gol e i biancocelesti vincono - I AM CALCIO BENEVENTO

Lazio-Benevento 5-3: Immobile torna al gol e i biancocelesti vincono

C. Immobile, Lazio
C. Immobile, Lazio
BeneventoSerie A

La Lazio non può permettersi di perdere terreno nella corsa alla qualificazione ad un posto utile a disputare la prossima Champions League; il Benevento vuole conquistare punti che la mettano maggiormente al sicuro nella lotta per la salvezza. Questi i temi principali della sfida dell’“Olimpico” tra biancocelesti e blucerchiati. Simone e Pippo Inzaghi non si incontreranno sulle rispettive panchine a causa della positività al covid del tecnico capitolino; al suo posto, a dirigere dalla panchina Immobile e compagni, c’è ancora Massimiliano Farris.

Farris arretra Marusic sulla linea dei difensori e schiera Fares largo a sinistra in mediana; Pippo Inzaghi ritorna al 4-3-2-1 con Letizia e Depaoli sugli esterni difensivi, Improta come mezzala e Gaich unica punta con Insigne e Sau a supporto.

Primo brivido della partita dopo 4’ e ad essere pericolosa è la Lazio: cross di prima intenzione di Fares dal lato corto dell’area di rigore giallorossa, palla per Immobile che, sempre di prima, coglie il palo alla sinistra di Montipò. All’11’ i padroni di casa passano in vantaggio: errore in fase di impostazione dei giallorossi, palla riconquistata dai laziali e servita in profondità ad Immobile che si getta in scivolata, Depaoli lo anticipa ma la mette nella sua stessa porta. Passano 10’ e la Lazio raddoppia: altra palla filtrante di Milinkovic-Savic ancora per Immobile che resiste a Barba, arriva davanti a Montipò e la deposita alle spalle del portiere giallorosso. Al 36’ rigore per la Lazio: contropiede dei biancocelesti, Immobile serve Correa sulla corsa, l'argentino entra in area e prova il pallonetto su Montipò in uscita. Il portiere giallorosso tocca la palla ma abbatte l'attaccante e l'arbitro indica il rigore. Dal dischetto lo stesso Correa non sbaglia e sigla la rete del 3-0. Al 45’ il Benevento accorcia le distanze: Insigne serve in area Sau, l'attaccante sardo si porta palla sul destro e lascia partire un tiro che si insacca sul palo lungo della porta difesa da Reina che nulla ha potuto per evitare il gol. Il signor Ghersini fischia la fine del primo tempo: le squadre vanno negli spogliatoi sul punteggio di Lazio 3, Benevento 1.

Il Benevento torna in campo nella ripresa senza Sau, autore del gol, vittima di un problema muscolare: al suo posto c’è Dabo con Improta che avanza sulla linea dei trequartisti. E’ la Lazio, però, ad andare ancora in gol: Luis Alberto serve in profondità Immobile che avanza, aspetta la sovrapposizione di Correa e lo serve; l'argentino arriva quasi sul fondo e calcia in porta mettendo tra le gambe di Montipò che tocca la palla mandandola in gol. Al 55’ nuovo rigore per la Lazio: Ghersini viene richiamato dal VAR a vedere un intervento falloso di Gaich su Milinkovic-Savic e indica il dischetto. Dagli undici metri va Immobile ma Montipò para; sulla respinta si avventa Fares ma il portiere giallorosso compie un secondo miracolo e para la conclusione a botta sicura dell’esterno laziale. Pippo Inzaghi mette mano alla panchina e rivoluziona il Benevento passando al 3-5-2 con gli ingressi di Viola, Lapadula e, soprattutto, Caldirola, che prende il posto di Letizia andando a formare la linea arretrata con Glik e Barba. Anche la Lazio opera due cambi con gli ingressi di Lulic e Parolo per Fares e Leiva. Al 62’ il Benevento dimezza di nuovo lo svantaggio: “abbraccio” in area biancoceleste di Marusic ai danni di Ionita e, dopo revisione al VAR, Ghersini indica il dischetto del rigore. Dagli undici metri Viola non sbaglia e batte Reina. Al 66’ il Benevento avrebbe la possibilità di riaprire definitivamente la partita con un gol di Lapadula su angolo di Viola ma Ghersini, nuovamente chiamato a rivedere l’azione al VAR, annulla per un fallo in attacco. L’occasione per giocarsi il tutto per tutto arriva all’85’ per il Benevento: azione fotocopia della precedente con Viola alla battuta dell’angolo ma questa volta è Glik a saltare più in alto di Acerbi e a mettere palla in fondo alla rete laziale. Il signor Ghersini concede 6’ di recupero nei quali il Benevento si getta alla disperata ricerca del pareggio finendo con il prestare il fianco ai contropiedi laziali. Proprio allo scadere, Parolo si lancia in velocità verso l’area giallorossa e serve in diagonale Immobile che appoggia in rete per il definitivo 5-3 per la Lazio che viene sancito dall’immediato triplice fischio dell’arbitro.

IL TABELLINO

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO LAZIO Serie A