Benevento-H. Verona 0-3: i gialloblù certificano la crisi della Strega - I AM CALCIO BENEVENTO

Benevento-H. Verona 0-3: i gialloblù certificano la crisi della Strega

D. Faraoni, H. Verona
D. Faraoni, H. Verona
BeneventoSerie A

Il Benevento alla ricerca di una vittoria che manca dal 6 gennaio; l’Hellas Verona per dare continuità all’ottimo pareggio ottenuto contro la Juventus: questi i temi principali del match del “Vigorito” tra giallorossi e scaligeri. Inzaghi lascia in panchina Viola e Caprari: al loro posto schiera Insigne e Sau. Juric conferma l’attacco con il solo Lasagna ed il duo Zaccagni-Barak a supporto dell’ex Udinese.

Non comincia nel migliore dei modi il match per il Benevento che all’11’ deve operare la prima sostituzione: Letizia, al rientro questa sera dal 1’, esce in lacrime dal campo; al suo posto entra il belga Foulon. Alla prima occasione da gol della partita è il Verona a passare in vantaggio: Lazovic, a sinistra, arriva sul fondo e mette al centro, Foulon manca l'impatto con la palla e si perde Faraoni che, da solo, mette di testa alle spalle di Montipò. La serata “nera” di Foulon prosegue 8’ dopo quando, su un cross sempre dalla sinistra di Zaccagni, mette palla nella propria porta nel tentativo di anticipare di testa un avversario. Al 38’ gli ospiti vanno vicini alla terza rete: Barak va al tiro dal limite dell’area, Montipò ci arriva e la palla sbatte sulla traversa per poi ritornare in campo. Il signor Ayroldi, arbitro dell’incontro, concede 2’ di recupero. Al 46’ Insigne prova il sinistro dal limite dell’area ma Silvestri si distende in tuffo e devia. Al riposo si va con il Verona in vantaggio 2-0 sul Benevento.

Inzaghi corre ai ripari per provare a rimettere in sesto il match e opera due cambi ad inizio ripresa: entrano Tuia ed Improta per Foulon e Depaoli. Il Benevento, quindi, si mette “a specchio” rispetto agli avversari passando al 3-4-2-1. La mossa, però, non porta gli effetti sperati perché al 50’ il Verona sigla il terzo gol: Lasagna vince un contrasto con Glik, si invola verso la porta giallorossa e fredda per la terza Montipò. Per l’attaccante ex Udinese è la prima rete in maglia scaligera. Al 54’ Zaccagni serve sulla corsa Barak che si presenta davanti a Montipò ma questa volta l'intervento del portiere del Benevento è decisivo per evitare la quarta marcatura ospite. Quattro minuti dopo fuga di Lasagna che, arrivato al limite dell'area, si accentra e prova la conclusione ma Glik la devia e mette in corner. Il Verona si mette in modalità “controllo” e gestisce il match senza correre pericoli. Girandola di sostituzioni anche per Juric ma il risultato non cambia più fino al triplice fischio finale che arriva senza concessione di recupero da parte di Ayroldi: al “Vigorito”, quindi, finisce 3-0 per il Verona sul Benevento che non vince ormai da 9 turni.

IL TABELLINO

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO Serie A