Roma-Benevento 5-2: la Strega comincia bene ma cede alla distanza - I AM CALCIO BENEVENTO

Roma-Benevento 5-2: la Strega comincia bene ma cede alla distanza

E. Dzeko, Roma
E. Dzeko, Roma
BeneventoSerie A

Non riesce nell'impresa il Benevento che esce sconfitto dall'"Olimpico" per 5-2 contro la Roma nonostante una buona partita giocata dai ragazzi di Pippo Inzaghi.

Fonseca schiera Dzeko al centro dell'attacco con Pedro e Mkhitaryan a supporto; Inzaghi lancia Lapadula dal 1' con gli ex Iago Falque e Caprari alle sue spalle e non cambia la sua filosofia di gioco scendendo in campo per giocarsela a viso aperto.

Dopo soli 5' dal via del match è il Benevento a passare in vantaggio. Sugli sviluppi di una rimessa laterale la palla arriva a Caprari che salta un avversario e calcia in porta, la sfera viene deviata da Ibanez e la traiettoria diventa imprendibile per Mirante. La Roma si riassesta e al 24' va vicina al pari: lancio di Dzeko per Pedro che aggancia in corsa e, quasi dalla linea di fondo, mette al centro per Mkhitaryan che prova il colpo di testa ma la palla termina docile tra le braccia di Montipò. Al 31' arriva il pari dei capitolini: Mkhitaryan serve Spinazzola sulla corsa, da questi all'indietro per Pellegrini che appoggia su Pedro che batte Montipò di sinistro. Passano altri quattro giri di lancette e la Roma passa in vantaggio: rinvio di Mirante che lancia Mkhitaryan, da questi a Dzeko che, con freddezza, batte Montipò con un destro che si insacca sul secondo palo. La prima frazione si chiude con i padroni di casa avanti 2-1.

Inzaghi procede al primo cambio ad inizio ripresa: Iago Falque resta negli spogliatoi e al suo posto entra Insigne. Al 53' Veretout interviene con troppa irruenza su Ionita in area di rigore e per Ayroldi è penalty. Dagli undici metri Lapadula si fa ipnotizzare da Mirante ma si avventa sulla respinta e mette comunque alle spalle del portiere romanista. Al 61' Insigne serve in maniera ottimale Lapadula mettendolo davanti a Mirante ma la punta del Benevento calcia addosso al portiere romanista. Al 66' lancio in profondità di Dzeko per Pedro che entra in area e viene atterrato da Montipò in uscita. Il signor Ayroldi indica di nuovo il dischetto: dagli undici metri Veretout è freddo e spiazza Montipò. Alla mezzora della ripresa la Roma sigla il quarto gol: Villar, appena entrato, lancia Mkhitaryan a sinistra sul filo del fuorigioco, questi si invola verso la porta del Benevento e, una volta entrato in area, serve Dzeko che deve solo appoggiare in rete. All'89' la Roma fa cinquina: Cristante recupera palla nella propria metà campo e serve Carles Perez che si fa trequarti campo palla al piede e, dal limite, lascia partire una rasoiata di sinistro che non lascia scampo a Montipò. Al triplice fischio, lo score finale è 5-2 per la Roma sul Benevento.

Curiosità: anche nella prima esperienza in Serie A il Benevento aveva rimediato un 5-2 all'"Olimpico" ed anche in quel caso era passato per primo in vantaggio.

IL TABELLINO

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO ROMA Serie A