S. Angelo a Cupolo. Zarro: "Vittoria dedicata ai nostri concittadini" - I AM CALCIO BENEVENTO

S. Angelo a Cupolo. Zarro: "Vittoria dedicata ai nostri concittadini"

Il Pres. A. Zarro, Sant'Angelo a Cupolo
Il Pres. A. Zarro, Sant'Angelo a Cupolo
BeneventoSeconda Categoria

Il Sant'Angelo a Cupolo del presidente Armando Zarro può festeggiare la promozione in Seconda Categoria, nonostante lo stop dovuto al covid-19. Un salto di categoria meritato anche se reso meno dolce dal non aver potuto disputare le ultime gare di campionato che avrebbero consacrato anche sul campo la vittoria dei ragazzi di mister De Cristofaro. Abbiamo raggiunto il presidente Zarro per un'intervista.

Presidente una vittoria che avrà festeggiamenti in tono minore causa covid.

Purtroppo, pur se felici di aver conquistato la promozione, a causa della pandemia, non potremo festeggiare come avremmo voluto. Non mancheremo di celebrare la vittoria ma lo faremo nel rispetto di tutte le normative vigenti: lo meritano i ragazzi, lo merita la società e lo merita tutta la comunità santangiolese.

Nonostante la pandemia, avete comunque conquistato la vittoria: quanto la rende soddisfatto la prestazione dei suoi ragazzi?

Sono molto soddisfatto di quanto fatto sia dalla squadra che dalla società ma non sono ugualmente soddisfatto del mio apporto che non è potuto essere quello che avrei voluto a causa dei miei impegni lavorativi. Sono stato anche sul punto di lasciare ma, dopo essermi seduto al tavolo con la dirigenza, sono stato convinto a restare in carica e, anzi, credo si sia creata una sinergia ancora più forte. Anche i ragazzi della squadra hanno insistito perché rimanessi: il loro entusiasmo mi ha definitivamente convinto che si trattasse della scelta giusta da fare. Abbiamo lavorato su un progetto biennale e sono fiducioso anche per il futuro.

Quali saranno i vostri obiettivi in Seconda Categoria, anche se è ancora prematuro parlarne?

L'obiettivo principale, come quest'anno, sarà il divertimento dei ragazzi e la creazione di un gruppo ancora più forte e coeso.

Ha ringraziamenti e dediche speciali da fare?

I ringraziamenti vanno anzitutto ai nostri sponsor e all'amministrazione comunale di Sant'Angelo a Cupolo che ci hanno permesso di vivere questa splendida, seppure non completa, stagione. Non posso non ringraziare tutta la rosa dei calciatori, lo staff tecnico e tutti i dirigenti per l'impegno profuso fin dall'inizio della stagione. La dedica, davvero speciale, va alla intera comunità di Sant'Angelo a Cupolo: i nostri concittadini ci sono sempre stati vicini e ci hanno dimostrato il loro affetto con una massiccia presenza alle nostre partite: a loro diciamo solo arrivederci al prossimo campionato.

Maurizio Morante