Cosenza-Benevento 0-1: super-Insigne firma la vittoria che vale il +17 - I AM CALCIO BENEVENTO

Cosenza-Benevento 0-1: super-Insigne firma la vittoria che vale il +17

R. Insigne, Benevento
R. Insigne, Benevento
BeneventoSerie B

Un Benevento imbottito di assenti scende in campo al “San Vito-Marulla” per affrontare un Cosenza alla ricerca di punti salvezza. Mister Inzaghi lascia in panchina Coda e gli preferisce l’ultimo arrivato Moncini; fa il suo debutto dal 1’ anche l’altro neo-acquisto giallorosso, il difensore Barba che viene schierato come terzino sinistro con Letizia spostato a destra al posto dello squalificato Maggio. Per quanto riguarda i lupi calabresi, invece, undici di partenza sostanzialmente prevedibile con l’ex Asencio a fare coppia in attacco con Baez, che ritorna da titolare vista anche l’assenza di Riviere.

Bisogna aspettare ben 22’ per vedere la prima occasione degna di nota della gara. E’ Letizia, su assist in verticale di Moncini, che si infila in mezzo a due difensori del Cosenza e calcia in porta ma trova Sarracco che respinge. Sul capovolgimento di fronte è Pierini, di testa, ad impegnare Montipò che si distende alla sua destra e mette in corner. Al 32’ il Benevento fa le prove per il vantaggio: sugli sviluppi di una punizione dalla sinistra, la palla finisce sui piedi di Schiattarella che serve Sau in area, l'ex Cagliari va alla conclusione di prima intenzione ma trova ancora Saracco a respingere. Passano 60’’ ed i giallorossi passano a condurre: Insigne lavora palla a destra, si porta palla sul sinistro e lascia partire un tiro che si insacca sul palo lungo della porta calabrese. Un gol di pregevole fattura da parte dell'esterno napoletano che stasera ha ritrovato la maglia da titolare a causa dell’assenza di Kragl. Nel primo dei due minuti di recupero concessi dal direttore di gara, ci prova Casasola da buona posizione ma il tiro è fiacco e Montipò para senza problemi. La prima frazione si chiude con il Benevento in vantaggio per 1-0.

Dopo 9’ della ripresa il Benevento resta in 10 uomini: palla verticale di Machach per Asencio e Volta commette fallo sullo spagnolo, ex della partita. Il direttore di gara estrae il rosso diretto all’indirizzo del centrale giallorosso. Inzaghi ridisegna la squadra inserendo Del Pinto al posto di Moncini con Barba che passa a fare il difensore centrale. Sulla punizione conseguente c’è il tentativo di Pierini con palla indirizzata all’incrocio: è bravo Montipò a volare con i pugni a disinnescare la conclusione del calciatore rossoblù. Il Benevento si riassesta e al 72’ si rende ancora pericoloso con Viola che, dopo azione personale partita a destra, si accentra e prova la conclusione col sinistro ma il tiro è centrale e debole e Saracco blocca a terra. Al 78' tentativo di Lazaar, altro ex del match, con il destro, non il suo piede preferito: palla di poco alla sinistra di Montipò. Un giro di lancette dopo, Asencio per Pierini che si aggiusta la palla sul destro e va alla conclusione da posizione defilata: la sfera termina abbondantemente fuori bersaglio. All'89' coclusione di Machach di prima intenzione dal limite dell'area: il tiro è potente ma centrale e Montipò blocca. Nel pieno dei 4' di recupero, sugli sviluppi di un corner, tiro di Pierini quasi a botta sicura e Montipò si veste da Superman per deviare la sfera prima che Machach la spedisca definitivamente alta sopra la traversa. Il triplice fischio dell'arbitro arriva a sancire il successo del Benevento sul Cosenza che porta i giallorossi a +17 sulle prime inseguitrici, Crotone e Frosinone.

IL TABELLINO

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO Serie B