Savignanese - Castelpoto: la decisione del giudice sportivo - I AM CALCIO BENEVENTO

Savignanese - Castelpoto: la decisione del giudice sportivo

AvellinoPrima Categoria Girone C

GARA DEL 27/10/2019 SAVIGNANESE – CASTELPOTO

Il Sostituto Giudice Sportivo Territoriale, avv. Raffaele Barone, letto il preannuncio ed reclamo ritualmente proposto dalla Società A.S.D. Castelpoto, con il quale la stessa ha chiesto infliggersi la sanzione della punizione sportiva della perdita della gara in danno della Società Savignanese, a titolo di responsabilità per i fatti di seguito descritti; la Società Castelpoto, infatti, ha esposto in reclamo che i propri dirigenti e calciatori fossero stati aggrediti dai dirigenti e/o collaboratori e/o tifosi appartenenti alla Società Savignanese presenti sugli spalti e negli spazi antistanti gli spogliatoi (ancorché non autorizzati, né presenti in distinta). Il tutto è avvenuto in assenza delle FF.OO., sopraggiunte in seguito sui luoghi ove i fatti innanzi narrati si sono verificati, costringendo il DDg a sospendere la gara, non sussistendo le condizioni psico-fisiche per il proseguimento della stessa; la Società reclamata, ancorché ritualmente evocata, non ha presentato controdeduzioni; esperiti gli opportuni accertamenti, letto il referto di gara ed il supplemento di rapporto, preso atto della sospensione della partita operata dal DDg al 28' del secondo tempo, non sussistendo più le condizioni minime perla prosecuzione della gara, sentito a chiarimenti il medesimo DDg, alla presenza del rappresentante AIA, come richiesto dalla Società reclamante, va rilevato che quest'ultimo ha confermato in toto il contenuto del referto e del supplemento; ossia, che la sospensione della gara è avvenuta allorquando il Dirigente accompagnatore dell'ASD Castelpoto, Sig. Muccio Gianluca, precedentemente espulso, entrava sul tdg proferendo frasi ingiuriose contro il ddg, strattonandolo per la maglia, stringendogli le braccia e spingendolo con estrema veemenza, sostenendo di essere stato aggredito dai tifosi della squadra ospitante Savignanese, verso i quali rivolgeva frasi ingiuriose.

Il DDg ha confermato, inoltre, di aver notato solo una persona effettivamente non identificata uscire dal tdg, al momento dell'ingresso in campo del Muccio e che, nonostante avesse a più riprese chiesto al capitano della squadra Castelpoto di calmare e far uscire dal tdg il proprio dirigente, questi si asteneva dal compiere ogni attività. Tanto premesso, va rilevato che la tesi della reclamante non è suffragata da idonea prova. Per contro, il referto, il relativo supplemento (atti che fanno piena prova) suffragate dalle dichiarazioni rese in sede di audizione dal DDg, risultano chiari e non contraddittori. Consegue l'infondatezza del reclamo proposto dalla A.S.D. Castelpoto, quantomeno per l'assenza di prova in ordine alle circostanze di fatto dedotte; letto l'art. 67 C.G.S., ed effettuata la comunicazione ivi prescritta alle Società a cura della Segreteria;

P.Q.M.

il Sostituto Giudice Sportivo Territoriale, avv. Raffaele Barone, sciogliendo la riserva di cui al C.U. n. 37 del 31.10.2019, rigetta il reclamo e delibera di: a) infliggere alla Società reclamante A.S.D. Castelpoto la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0/3, in favore della Società reclamata Savignanese; b) infliggere al Dirigente della Società A.S.D. Castelpoto, Muccio Gianluca, per i fatti di cui innanzi, l'inibizione fino al 26.03.2020; c) squalificare il capitano dell'A.S.D. Castelpoto Sicignano Fabio per n. 2 giornate effettive; d) infliggere alla Società Polisportiva Savignanese l'ammenda di Euro 100,00 per la presenza di estranei sul tdg; e) incamerare la tassa di reclamo; f) di confermare i restanti provvedimenti disciplinari assunti in relazione alla gara de qua; g) trasmettere gli atti alla Procura Federale per gli opportuni accertamenti.

La Redazione

Prima Categoria Girone C

ClassificaRisultatiStatistiche