A. Cerreto. Melotta: "Vogliamo riscattarci: i giovani la nostra forza" - I AM CALCIO BENEVENTO

A. Cerreto. Melotta: "Vogliamo riscattarci: i giovani la nostra forza"

Il Pres. A Melotta, Atl. Cerreto
Il Pres. A Melotta, Atl. Cerreto
BeneventoPrima Categoria

L'Atletico Cerreto si appresta a disputare, per il secondo anno consecutivo, il campionato di Prima Categoria. Per fare il punto della situazione in casa della compagine allenata da mister Ludovico, abbiamo raggiunto il presidente Antonio Melotta per una intervista.

Presidente, si riparte reduci da Paolisi e dalla salvezza conquistata allo spareggio retrocessione. Qual è lo spirito?

Sicuramente c’è voglia di riscattare la scorsa stagione nella quale, per gli sforzi fatti dalla società, ci si aspettava un risultato ben diverso. Abbiamo pagato l’inesperienza di una società giovane come la nostra, commettendo diversi errori, che diventeranno esperienza. Per fortuna, anche grazie al contributo di Mister Gerardo Russo, siamo riusciti a raggiungere la salvezza e mantenere la categoria.

Avete cambiato molto: che Atletico Cerreto sta nascendo?

Al termine della stagione avevamo già chiaro da cosa si doveva ripartire: giovani e territorialità. Così, seguendo le indicazioni di Mister Ludovico, è stata allestita una rosa composta interamente da ragazzi provenienti dalla Valle Telesina, cercando di intercettare il meglio che il nostro territorio potesse offrire dal punto di vista calcistico, sia nel presente che in ottica futura. Inoltre, abbiamo svecchiato in maniera importante la rosa, difatti l’età media della rosa è scesa da 35 a 24 anni.

Con una rosa così giovane il rischio è di pagare dazio per l'inesperienza. Avete preoccupazioni in tal senso?

E’ un rischio che vogliamo correre ma, per evitare ciò, sarà importante anche il contributo dei calciatori più esperti, come Di Crosta, Iannotti, Guarino, Turriccio, Silvestri, De Vizia, Sanzari e Cembalo, gente che vanta diversi campionati di Prima Categoria sulle spalle. Sono loro, che per passione e serietà, rappresentano l’esempio che i più giovani dovranno seguire.

Il vostro mercato in entrata può dirsi chiuso?

Abbiamo costruito una buona squadra ma restiamo vigili sul mercato: qualora ce ne fosse l’occasione vorremmo investire qualcosa sul reparto difensivo ma solo nel caso ci fosse la possibilità di accrescere tecnicamente e umanamente il valore della rosa.

Quali sono gli obiettivi dell’Atletico Cerreto per questa stagione e per il futuro?

L’obiettivo stagionale è quello di ben figurare in un campionato lungo e difficile come la Prima Categoria, dove ci sono società ambiziose e ben più blasonate di noi, e dimostrare che si può far bene con la programmazione e costruendosi in casa i giocatori migliori. Proprio per questo anche quest’anno puntiamo molto sulla Juniores e sul lavoro del duo Civitillo – Parente, di cui già quest’anno stiamo raccogliendo i primi frutti. L’obiettivo a lungo termine è quello di rappresentare sempre di più un punto di riferimento nella Valle Telesina, del resto, ad esclusione della Pol. Puglianello, siamo l’unica società in zona presente in categorie in cui si comincia a masticare un po’ di calcio vero.

Quale sarà secondo lei l’arma in più?

Sicuramente i nostri tifosi, anche lo scorso anno, nonostante una classifica complicata, ci hanno seguito numerosi su ogni campo, la passione che ha Cerreto per il calcio è qualcosa di bellissimo che ci spinge e ci da la carica per fare sempre meglio perché in fondo facciamo calcio per il nostro Paese e per la nostra gente e questo deve essere un onere e un onore per chi scende in campo con questa maglia!

Che idea si è fatto sulle altre squadre?

Presumo che saremo inseriti nel girone beneventano-casertano. Alcune beneventane, come Sporting Pietrelcina e Castelpoto sembrano aver costruito una buona squadra ma sinceramente credo che le posizioni di vertice saranno tutte ad appannaggio delle casertane: hanno la possibilità di attingere ad un bacino di calciatori molto più vasto e ricco. Detto ciò speriamo che la nostra provincia sappia farsi valere, come alla fine è sempre stato negli ultimi anni.  

Voleva fare un particolare augurio, vero?

Voglio fare un "in bocca al lupo" alla Libertas Cerreto - Calcio a 5 e al neo Presidente Giovanni Salvatore: sono presenti ormai da oltre 10 anni e rappresentano un esempio di costanza e passione.

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:ATLETICO CERRETO Prima Categoria