Juniores. La FeC in finale di Coppa. Liccardi: "Dimostrata maturità"

Il selfie-vittoria della FeC
Il selfie-vittoria della FeC

La formazione Juniores della Forza e Coraggio ha raggiunto ieri pomeriggio uno storico traguardo: battendo la Virtus Volla ai rigori, infatti, i ragazzi allenati da mister Liccardi hanno conquistato il pass per la finale della Coppa Campania di categoria. La vittoria è arrivata ai calci di rigore dopo che sia i tempi regolamentari che quelli supplementari si erano chiusi sullo 0-0. 

Una vittoria prestigiosa, arrivata anche in condizioni difficili visto che i sanniti erano rimasti in 10 uomini per quasi tutta la ripresa, che sottolinea l'ottimo lavoro svolto durante la stagione da Liccardi e dal suo staff. Questo il commento dell'allenatore dei beneventani:

"Siamo contenti di questi traguardo perché conquistato con sofferenza e merito contro una squadra che ci assomigliava per tanti versi. Loro, come noi, hanno subito penalizzazioni difficili da digerire; loro, come noi, hanno fatto un percorso con l'obiettivo di riacquistare morale nonostante la vetta della classifica fosse irraggiungibile; loro, come noi, anzi meglio di noi, hanno proseguito il percorso di Coppa continuando ad allenarsi ed a raccogliere i frutti seminati in precedenza. In campo c'era tutto questo e giocare in trasferta per noi poteva costituire uno svantaggio irreversibile.

I miei ragazzi hanno dimostrato una grande maturità giocando con calma, alla pari col Volla, cercando di non disunirsi mai, ponendo attenzione e soprattutto applicazione nell'adattarsi ai continui mutamenti della gara. Gara che, infatti, è cambiata dal ventesimo del secondo tempo allorquando abbiamo giocato in 10 per la frettolosa espulsione ad un nostro centrocampista. In quel momento è cambiato tutto perché inevitabilmente abbiamo dovuto arretrare giocando esclusivamente con le ripartenze sulla nostra unica punta Massimiliano Ciampa.

Abbiamo sofferto fino al 97', abbiamo rischiato di capitolare due minuti prima del triplice fischio ma fortunatamente siamo riusciti ad ottenere quello che era l'epilogo migliore. Le vittorie ti danno un'unica certezza ossia quella che non hai sbagliato nessuna scelta. Nelle settimane precedenti ci siamo allenati tanto sull'eventualità dei calci di rigore, li abbiamo calciati tutti bene a cominciare dai due fratelli Stefano e Massimiliano Ciampa, con Plenzich e addirittura con il portiere De Vanno che dopo averlo parato lo ha anche segnato per poi pararlo ancora. L'ultimo della serie lo ha tirato Raffa, il quale non si aspettava di doverlo tirare perché nell'ultimo allenamento lo avevo fatto tirare ad altri. Tutto il resto basta immaginarlo.

Insieme a mister Gennaro Viglione ho preparato ogni piccolo dettaglio e alla fine abbiamo avuto ragione. Il nostro applauso va a tutti loro: a Solla, Sangiuolo, Falato, De Soricellis, Borrillo, Maio, Celentano, De Ieso, Botticella, Mesisca, Mignone, Pacilio, Cellesi e Carbonaro che hanno sofferto per conquistare questa finale. Adesso sapremo quale sarà la sede e troveremo un avversario che avrà il nostro stesso obiettivo. Per gente che ci mette il cuore nulla è impossibile anche se l'avversario parte col favore dei pronostici. Speriamo di non fare la fine dell'Atalanta...".

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:FORZA E CORAGGIO JUNIORES