Il Benevento espugna Verona: al Bentegodi decide una tripletta di Coda

M. Coda, Benevento, Ph. Feliciello
M. Coda, Benevento, Ph. Feliciello

Hellas Verona e Benevento si affrontano nel giorno di Pasquetta nel big-match della 34a giornata del campionato di Serie B. Entrambe le squadre sono reduci da una sconfitta contro il Palermo: i rosanero hanno dapprima battuto gli scaligeri in casa e poi i giallorossi in trasferta nell’ultimo turno. Mister Bucchi conferma il 4-3-1-2 visto nelle ultime uscite con Armenteros e Coda coppia d’attacco e Viola a dirigere le operazioni in mediana; nel Verona, invece, le chiavi dell’attacco sono in mano a Pazzini con Matos e Lee a supporto dell’ex Fiorentina e Sampdoria, novità Danzi a metà campo.

La prima clamorosa occasione la spreca il Benevento: Coda mette Armenteros davanti a Silvestri ma il tiro della punta svedese è ribattuto dal portiere veronese, sulla palla si avventa Ricci che, a porta vuota, mette clamorosamente fuori di un soffio. Al 33’ ancora Benevento pericoloso: gran giocata di Federico Ricci che finta col destro, rientra sul sinistro e prova il tiro a giro ma la palla esce di poco. Ci prova anche il Verona al 39’: cross di Danzi sul secondo palo, Pazzini prova il colpo di testa in tuffo ma la palla finisce alta sopra la traversa della porta difesa da Montipò. Un minuto dopo è Lee a cercare la via del gol ma il suo rasoterra da fuori area termina a lato. Il Benevento, quando l’arbitro annuncia che non ci sarebbe stato recupero, passa in vantaggio: lancio dalle retrovie, Armenteros prova lo stop ma si trasforma in un assist per Coda che mantiene la freddezza e batte Silvestri. La prima frazione si chiude, quindi, con il Benevento in vantaggio.

Pronti-via nella ripresa ed il Benevento si porta sullo 0-2 già al 47’: lancio per Armenteros, lo svedese spizza la palla per Coda che mantiene la lucidità e fredda per la seconda volta Silvestri con un tocco preciso sul secondo palo. AL 50’ ci prova Pazzini ma il destro dell’ex viola termina alto sopra la traversa da ottima posizione. Al 55’ci prova Viola con il sinistro a giro dal limite ma Silvestri si tuffa e disinnesca il pericolo. Due minuti dopo è Faraoni a sfiorare la rete con un destro dal limite: la palla, rasoterra, sfiora il palo alla destra di Montipò e si perde sul fondo. Al 62’ angolo per il Verona, testa di Bianchetti ma grande risposta di Montipò che nega il gol ai padroni di casa. All’80’ contropiede del Benevento portato da Armenteros: lo svedese entra in area, aspetta Tello e gli appoggia la palla ma il colombiano spara alto sopra la traversa. All'87' Coda tocca in profondità per Tello che, dopo l'ingresso in area, prova la botta sul primo palo ma Silvestri è attento e mette in angolo. Il direttore di gara concede 5' di recupero e proprio allo scadere Dawidowicz atterra Buonaiuto in area scaligera: per Nasca è rigore. Sul dischetto si porta Coda che spiazza Silvestri dopo l'errore nella gara di andata. AL triplice fischio, dunque, il Benevento batte l'Hellas Verona per 3-0.

IL TABELLINO

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO HELLAS VERONA