Benevento. Bucchi: "Col Palermo sfida importante ma non decisiva"

Mister C. Bucchi, Benevento
Mister C. Bucchi, Benevento

Giorno di conferenza stampa per mister Bucchi: il tecnico del Benevento ha parlato ai media nella sala stampa del "Vigorito" alla vigilia del match contro il Palermo.

"Partita molto importante perché mancano poche partite e si affrontano due squadre forti. Sarebbe, però, sbagliato pensare che sia decisiva perché in ogni caso sarebbe tutto ancora in discussione: questo campionato ha dimostrato più volte che non ci sono certezze. Ci vuole equilibrio per una gara importante, che tutti vogliono giocare. 

Al di del fatto che la squadra di Perugia mi è piaciuta molto non vuol dire che le scelte sono già tutte fatte. In larga parta posso dire che ci saranno molte conferme. Improta giocherà quasi sicuramente. 

Viola è un calciatore determinante, purtroppo il suo percorso è stato caratterizzato da un brutto infortunio che ha penalizzato lui e tutta la squadra. Abbiamo prima sopperito e poi a gennaio è arrivato Crisetig che ha subito fatto molto bene. E' normale che poi giocando davanti alla difesa, che è il suo ruolo naturale, abbia dato il meglio ma questo non vuol dire accantonare altre soluzioni.

Quello che voglio vedere domani è ancora una squadra sbarazzina e che gioca un calcio propositivo, quel calcio che è nelle nostre corde. Dobbiamo giocare in maniera offensiva, creando occasiono da gol e prendendoci anche i nostri rischi. Se riusciamo a fare quel che sappiamo possiamo divertirci giocando. Abbiamo ancora un calendario complicato ma sappiamo che molto dipenderà da quello che sapremo fare.

Se si vogliono vincere le partite bisogna attaccare e farlo con continuità. Non dovremo concedere loro di giocare negli spazi aperti perché hanno giocatori veloci. Attaccare vuol dire farlo di squadra, cioè restando corti e attaccando gli spazi: attaccare si ma con intelligenza. L'equilibrio ce lo darà il nostro atteggiamento in campo.

Se ci fosse un calo di tensione in una gara del genere mi preoccuperei tantissimo; cali fisici direi che non ne temo perché abbiamo dimostrato di stare molto bene e tutti hanno una buona condizione. Le scelte quindi non saranno condizionate da questioni mentali o fisiche: andrà in campo chi mi da maggiori garanzie per esprimere il nostro gioco.

Loro hanno una grande rosa ma credo che anche loro siano preoccupati dai nostri calciatori: dovremo limitare al massimo le loro qualità ed esaltare le nostre. 

Abbiamo avuto il torto di raggruppare le nostre sconfitte ma questo ci ha fatto scoprire tante cose di questa squadra: abbiamo scoperto problemi che non sapevamo di avere e, allo stesso tempo, risorse che allo stesso modo ignoravamo. Da qui alla fine abbiamo bisogno di mettere insieme tutto quanto imparato durante l'anno. 

Montipò aveva preso un colpo contro il Carpi su una uscita e quindi nei primi giorni della settimana lo gestiamo in un certo modo. Da venerdì si è allenato regolarmente e quindi ci sarà. Letizia è recuperato al 100% e può fare i 90'".

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO PALERMO