Micai "auto-punisce" la Salernitana: il Benevento espugna l'"Arechi"

R. Insigne, Benevento, ph. Feliciello
R. Insigne, Benevento, ph. Feliciello

Salernitana e Benevento si affrontano all’“Arechi” con spiriti ed obiettivi diversi: gli ospiti reduci dalla vittoria contro il Venezia e a caccia delle prime posizioni che garantirebbero la promozione diretta; i granata di Gregucci, invece, in difficoltà nelle ultime gare e con la società nel mirino dei tifosi dopo il mercato, ha necessità di punti per non perdere di vista il treno play-off.

Il primo brivido lo crea il Benevento al 10’: Insigne serve Improta sulla corsa, il diagonale dell'ex granata termina di poco a lato del palo alla sinistra di Micai. Replica della Salernitana 3’ dopo con un colpo di testa di Casasola su cross proveniente dalla sinistra: la palla è di poco alta sopra la traversa. Al 23’ Salernitana pericolosa: D. Anderson crossa dalla destra al centro dell’area dove arriva A. Anderson che colpisce di testa ma la palla è centrale e Montipò non ha problemi. Sul capovolgimento di fronte Coda tocca in profondità per Buonaiuto che calcia con la punta, Micai la devia in corner distendendosi sulla sua destra. Al 40’ ci prova Letizia dalla distanza dopo una ribattuta da calcio di punizione: Micai riesce a toccare con la punta delle dita e la palla termina in corner. La prima frazione si chiude sullo 0-0.

Pronti-via nella ripresa ed il Benevento passa in vantaggio: al 4’ cross di Insigne dalla destra, Micai esce e tocca la palla con la mano destra ma questa assume una strana traiettoria entrando nella porta granata. Al 62’ il Benevento si divora il raddoppio: Coda, servito da Insigne, si presenta solo davanti a Micai ma non riesce a piazzare la sfera in rete calciando sui piedi del portiere granata in uscita. La gara si mantiene su buoni ritmi ma i due portieri non corrono molti pericoli reali fino al triplice fischio che arriva dopo 5' di recupero.

A niente è valso per la Salernitana il tentativo di forcing finale con l'ingresso anche di Calaiò: il Benevento espugna l'"Arechi" dopo 43 anni, decide l'autorete di Micai.

IL TABELLINO

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO SALERNITANA