Benevento. Si tratta con Parma e Frosinone per puntellare la rosa

F. Ceravolo
F. Ceravolo

Il D.s. del Benevento Pasquale Foggia è da ieri in quel di Milano per condurre le trattative di mercato dei giallorossi. 

Dei tre nomi in cima alla lista del dirigente dei sanniti due, Capezzi e Dezi, hanno, al momento, rifiutato le avances della Strega perché non interessati a scendere di categoria. Ovviamente la risposta va contestualizzata al fatto che siamo ancora alle prime battute di mercato: un netto rifiuto dato l'11 di gennaio potrebbe trasformarsi in un "si" caloroso tra una settimana o poco più. In alternativa ai due, si tratta anche con il Frosinone per Lorenzo Crisetig, che con i ciociari non ha spazio e che gradirebbe una piazza ambiziosa e di vertice in serie B per potersi rilanciare. 

Per quanto riguarda il capitolo Ceravolo, invece, il discorso è diverso: la "Belva" vuole ritornare nel Sannio e la dirigenza sannita vorrebbe accontentarlo tuttavia senza svenarsi. Dal canto suo il Parma, titolare del cartellino del calciatore pagato circa 3 milioni di euro un anno e mezzo fa, non vorrebbe mettere a bilancio una minusvalenza molto alta. Da ambedue le parti si cercano di limare i dettagli per giungere ad un accordo.

Per il reparto arretrato il nome, che si è fatto molto anche in estate, è quello di Lorenzo Ariaudo del Frosinone. Arrivasse l'ex difensore della Juventus, per il Benevento si aprirebbero scenari interessanti anche sul fronte delle cessioni: non è un mistero, infatti, che il Foggia, alla disperata ricerca di calciatori di esperienza per centrare la salvezza, sia interessato a Costa, il cui contratto per durata ed ingaggio è un problema per i satanelli, ed a Volta, che il Benevento dichiara incedibile.

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO