1a Cat. Puglianello va a riposo in testa; seguono Vitulano e Cellole

Polisportiva Puglianello
Polisportiva Puglianello

La tredicesima giornata ha confermato quanto visto finora, con la Polisportiva Puglianello he conserva il titolo di favorita al successo finale nel girone B di Prima Categoria, grazie al successo esterno sul campo del Castelpoto (2-1), grazie alle firme di Petrazzuoli e Di Santo. Non sono mancate le polemiche dei padroni di casa, che dopo aver pareggiato momentanemente il vantaggio ospite con Moscatiello recriminano, e non poco, qualche decisione arbitrale.

Alle spalle della capolista, con cinque punti di distacco, si conferma il Vitulano, che supera 3-1 il Paolisi 2000, grazie alle marcature di Matarazzo, Pedicini e Di Marzo (Lanni sigla la rete della bandiera ospite). Tre punti dietro c’è sempre il Cellole Calcio, che porta a casa il derby contro il Carinola (2-0) con la doppietta di Ruberto. I cellolesi aprono il filotto di squadre che possono tranquillamente puntare ai play off, così come altrettanto facilmente potrebbero cadere nella trama dei pareggi per la permanenza nella categoria: in appena undici punti veleggiano ben quattordici squadre.

Una rete di Prassino regala la quarta piazza alla Sessana (1-0), che passa di misura contro l’Atletico Cerreto e scavalca il Dea Diana, con i cervinesi fermati sullo 0-0 esterno in casa dell’ultima della classe, il Gianni Loia. Appena fuori dalla zona play off si piazza una coppia, formata dal San Nicola Calcio 2009 e dalla DSS Casale: i sannicolesi si aggiudicano lo scontro diretto contro lo Sporting Pietrelcina (2-0) grazie alle reti di Merenda ed Esposito, mentre i casalesi espugnano il terreno del Castel Volturno Calcio per 2-1, con reti di Pellegrino e Cantelli; di Diana la rete locale del momentaneo uno pari. Un punto dietro si colloca un’altra coppia, comprendente proprio il Pietrelcina ed il Falciano Calcio 2016, che ha chiuso il 2018 con il proprio turno di riposo, braccata dalla Vis Capua, in risalta dopo l’importante vittoria (2-1) contro il Valle di Suessola, con reti di Carta e Sarniolo; per i sammaritani rete di De Matteo.

Giuseppe Borrelli