Faicchio. Di Palma: "Qui c'è il potenziale per risalire la china"

L. Di Palma, Polisportiva Faicchio
L. Di Palma, Polisportiva Faicchio

In casa Polisportiva Faicchio, a questo punto della stagione, immaginavano una posizione diversa in classifica viste le potenzialità della rosa. Una rosa che, forse, sta avendo problemi di personalità vista la folta presenza di giovani. Proprio per questo il D.s. Garofano ha deciso di aumentare il tasso di esperienza in squadra tesserando l'esperto estremo difensore Luciano Di Palma.

Di Palma, classe '80, arriva dopo 5 anni alla allora Polisportiva Volturno, oggi Polisportiva Puglianello: un'esperienza che, come ci ha raccontato durante la nostra intervista, gli è servita molto sotto tutti i punti di vista.

Luciano il momento della "PoFA" non è dei migliori: che atmosfera hai trovato al tuo arrivo?

La squadra ha il potenziale per risalire la china e occupare posizioni di vertice: allenatore, squadra e struttura meritano certamente di meglio. L'atmosfera è positiva perché tutti voglio dare la svolta alla stagione. Ho accettato di venire qui perché mi piacciono questo genere di sfide e voglio ringraziare il D.s. Nicola Garofano per avermi fortemente voluto.

Credi che il momento non positivo sia più un problema di testa o tecnico-tattico? 

E' un problema di testa: manca quello scatto mentale che ti fa poi fare il salto di qualità in campo ed in classifica. La squadra è giovane e questo può essere un limite che, però, deve essere subito superato. L'esperienza si accumula con le giornate di campionato e credo che ora molti ragazzi si scrolleranno di dosso paure ed incertezze. Qui c'è il potenziale per fare grandi cose, magari non subito, ma si possono gettare le basi per il futuro anche prossimo. Penso che per quest'anno i play-off siano un obiettivo realistico.

Hai avuto modi di studiare il girone al quale partecipa la Polisportiva Faicchio?

Non conosco il girone ma penso che il calcio sia uguale dappertutto, a prescindere dalla categoria: dobbiamo pensare solo a noi e non agli altri. Se giochiamo come sappiamo possiamo battere tutti o quanto meno potremo uscire dal campo con la consapevolezza di aver dato il massimo e, se gli avversari saranno stati più bravi di noi, gli faremo i complimenti. Da quanto posso vedere, comunque, credo che New Cales e Virtus Gioiese abbiamo rose molto competitive ma attenti alla Rinascita Alvignanese che potrebbe essere la sorpresa del campionato. Noi? Vogliamo rientrare, come già detto, nel gruppetto di testa perché sappiamo di averne il potenziale.

Hai un pensiero per la tua vecchia squadra?

Voglio fare un sincero "in bocca al lupo" alla Polisportiva Puglianello e spero proprio che raggiungano il traguardo che si sono prefissati che è frutto del lavoro lungimirante svolto negli ultimi anni. Ringrazio Antonio Panaro e Umberto Carbone, per me due veri amici, per gli stupendi anni passati insieme.

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:FAICCHIO