Perrotta: "Girone B sempre più competitivo. Futuro? Vaglio le offerte"

Mister N. Perrotta
Mister N. Perrotta

Mister Nicola Perrotta è un allenatore esperto e con un ricco palmares, profondo conoscitore del calcio sannita-casertano. Proprio per questo lo abbiamo consultato per fare una analisi del girone B di 1a Categoria terminato da poco e chiedergli quali saranno le sue scelte per il prossimo anno. Queste le sue parole ai nostri microfoni:

Mister pensi che la classifica finale rispecchi i pronostici di inizio stagione?

Direi che la classifica rispecchia i valori che le squadre hanno messo in campo e pertanto direi che è giusta. Il livello tecnico del girone si alzato negli ultimi anni: questo, secondo me, è frutto della maggiore "ibridazione" delle squadre che sempre più spesso tesserano calciatori anche di categorie superiori provenienti dalle province vicine. 

Cosa pensi del campionato delle formazioni sannite?

Molti non vedevano il Vitulano tra le prime: io ho seguito la formazione neroverde e posso dire che hanno una società strutturata e competente, un bravo allenatore e un ottimo gruppo, composto prima di uomini che di calciatori. Alla luce di queste premesse direi che non si tratta di una sorpresa ma di una solida realtà che ha raccolto quanto seminato. Semmai la sorpresa, in negativo, è stata l'Amorosi: con una rosa del genere immaginare che potessero retrocedere era davvero difficile. 

E delle formazioni casertane che giudizio da?

Sono felice per la promozione del Teano del mio amico Vittorio Serio: hanno dato continuità a quanto fatto negli anni passati e sono riusciti a compiere lo step decisivo salendo in Promozione. Le Aquile Rosanero sono un'ottima realtà e mi spiace per la finale persa ieri perché avrebbero meritato di salire per quanto fatto durante l'anno: spero che possano proseguire nel loro percorso di crescita. Il mio amico Scagliarini ha fatto bene sulla panchina del Cellole arrivando ai play-off grazie anche al supporto di una società molto competente. Il San Marco Evangelista ha dimostrato che ogni anno, se ci si vuole qualificare ai play-off, bisogna fare sempre i conti con loro. Dal San Nicola, invece, mi sarei aspettato qualcosa in più vista sia la società che la rosa a disposizione di mister Letizia ma i risultati stagionali sono legati a più fattori, tra questi c'è anche la fortuna. 

Cosa c'è nel futuro di mister Perrotta? La rivedremo allenare di nuovo nel girone sannita-casertano?

Quest'anno, seppure abbia dovuto lasciare ad un certo punto per motivi di lavoro, sono stato alla Virtus Afragola ed ora vaglio le offerte che mi pervengono. Posso dire che ne sono arrivate già due: una dal basso casertano e l'altra dal napoletano. Non sono tipo che bada alla categoria ma quel che conta per me è la società che ho alle spalle: sia io che la squadra dobbiamo sentirci tranquilli durante tutto l'arco della stagione in modo da poterci concentrare solo su quanto di nostra pertinenza. Due anni fa ho vissuto una bella esperienza con il presidente Montesano che ora potrebbe rientrare nel mondo del calcio: tra di noi c'è un ottimo rapporto e ci sentiamo spesso quindi al momento non escludo nulla. 

Maurizio Morante