Juniores. FeC. Liccardi: "Dobbiamo vincerle tutte e sperare"

Mister E. Liccardi, Juniores FeC
Mister E. Liccardi, Juniores FeC

E' tornata alla vittoria la formazione Juniores della Forza e Coraggio: dopo le sconfitte contro Cervinara e Montesarchio ed il pareggio contro la Virtus Goti, è arrivata la roboante vittoria di ieri sera contro l'Hellas Altavilla, superato sul terreno del "Mellusi" per 9-0. Una vittoria che permette ai ragazzi di mister Ezio Liccardi di continuare la rincorsa alle prime due posizioni, consci, però, come ammette lo stesso tecnico, di dover anche sperare in passi falsi altrui:

"Succede che arrivi al campo e senti commentare un po' tutti a bassa voce i risultati delle gare pomeridiane. Ti accorgi che la sensazione che hai tu in quel momento è generale, ossia la consapevolezza che a 6 giornate dal termine del campionato non ti basterà vincerle tutte per qualificarti ma devi sperare che Virtus Goti e Cervinara perdano punti. Insomma l'umore dei ragazzi non era eccezionale ieri ma purtroppo la vita deve insegnarci a tirarci fuori dai momenti bui sempre col sorriso sulle labbra senza farsi condizionare dagli eventi. Il risultato per noi non è mai stato un assillo ma crescere e maturare sono due aspetti che curiamo da settembre e vivere questo momento risulta essere più formativo di un campionato senza difficoltà. Ho detto ai ragazzi che dobbiamo accettare, nei confronti della nostra quotidianità, ogni tipo di sfida senza mai pensare di poterne perdere qualcuna per scelta o addirittura scegliere quando perderle per convenienza. Le sfide che ci propina la vita vanno affrontate e vinte. Oggi ci ritroviamo terzi a 4 punti dal Cervinara secondo? Ebbene noi non abbiamo l'obbligo di acciuffarli a tutti i costi perché questo potrebbe metterci inutili pressioni ma dobbiamo vincere le nostre sfide ottimizzando gli insegnamenti di 15 partite di campionato. I nostri obiettivi non cambiano. Dobbiamo divertirci, giocare a calcio, migliorare la nostra tecnica, applicarci di più tatticamente e farci trovare pronti nel momento in cui ci viene proposta una sfida. Questo concetto in ottica Altavilla è stato capito in pieno adesso dovremo essere bravi a riproporlo nella prossima gara col Paolisi. Tornando all'effimero risultato, questa squadra paga un difetto che già da tempo abbiamo preso come sfida principale per la nostra crescita. I numeri dicono che se analizzassimo le partite fino all'85esimo la mia Juniores sarebbe prima in classifica. 3 sconfitte incassate nei minuti finali hanno maturato la condizione attuale. Io mi complimento lo stesso con i miei ragazzi per tutto quello che stanno facendo ed ho lanciato la mia sfida a loro. Il nostro quotidiano calcistico ci proporrà 5 gare ed in queste dovremmo gettare veramente il cuore oltre l'ostacolo. La sfida è partita già con l'Altavilla. 6 partite, 6 vittorie per andare a mangiare tutti insieme dove sarò ben contento di pagare il conto finale. Amo questo gruppo e spero che a conclusione di questo campionato, comunque vada, possano dire di aver vissuto una fantastica avventura".

Maurizio Morante