H.Casagiove-V. Goti 2-3: saticulani corsari con brivido nel finale

Le squadre al fischio di inizio
Le squadre al fischio di inizio

Il gran cuore della giovane Hermes Casagiove spaventa la Virtus Goti. Cacciando quell’orgoglio e quella spregiudicatezza che appartiene ai giovani, la baby gang allenata da Nicola Ferrara, con ben sette under titolari e quattordici in distinta, è andata vicina dal riprendere una partita che sembrava chiusa e per poco non ha tirato uno scherzetto ai goti. Dopo che avevano raggiunto un vantaggio rassicurante, gli ospiti si sono stati sorpresi dalla giovane Hermes che, negli ultimi sette minuti tra l’87’ ed il 94’, ha siglato due reti ed ha fissato il punteggio sul 2-3 finale. E chissà se la partita fosse durata qualche altro minuto, cosa sarebbe potuto succedere. Supposizioni che però si scontrano contro il muro della realtà, con i giallorossi che restano penultimi mentre la Virtus Goti degli ex Vincenzo Russo e Francesco Laezza sale al quarto posto con 30 punti, con la possibilità di salire sul terzo gradino del podio in caso di vittoria interna nel recupero di mercoledì contro il Cimitile. A prescindere da tutto, per l’Hermes la scossa finale è fondamentale per il morale in vista del girone di ritorno.

PRIMO TEMPO. La Virtus Goti sblocca la partita dopo appena cinque minuti. Sul tiro di Capone, Mataluna respinge il pallone che va a finire sui piedi di Russo, cross per Piscitelli che di testa porta in vantaggio i suoi (5’). L’Hermes Casagiove prova a reagire e si rende pericolosa con Cipro: la difesa ospite fa buona guardia e respinge. Da parte del numero 9 avvengono i movimenti più importanti in fase offensiva ma, sul punto di tirare, gli esperti Nostrale e Laezza lo ostruiscono. Il grande ex Russo, insieme a Laezza, sfiora il raddoppio al 16’, quando si avventa sull’uscita fuori area di Mataluna e prova di prima: palla a lato. La Virtus Goti del team manager Giovanni Caruso si dimostra squadra sorniona e raddoppia al 26’. L’arbitro assegna il penalty ai gotesi per il presunto tocco di mano di De Spirito sulla conclusione di Capone. Nonostante il difensore protesti, l’arbitro non cambia idea e dal dischetto Capone spiazza Mataluna. I giallorossi di Nicola Ferrara si ricompattano e si difendono con il coltello fra i denti: la prima frazione finisce 0-2.

SECONDO TEMPO. Nella ripresa i padroni di casa provano a rimettersi in carreggiata. Cipro riceve la sfera in area, la protegge e scarica un destro che termina alto (56’). E’ una buona chance che il capitano giallorosso non riesce a finalizzare. Dopo sei minuti, Gallo serve Jelassi che conclude: Casaburi para ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Il ritmo cala con la squadra di Nicola Facchino che gestisce la palla, poiché mercoledì è in programma il recupero del quattordicesimo turno contro il Cimitile. L’Hermes tenta il tutto per tutto ma Nostrale blocca ogni offensiva. Dall’altra parte Mataluna blocca i tiri di Capone e Florio. Il grande ex Vincenzo Russo, capitano e bandiera nelle tre stagioni di Promozione ed Eccellenza, vuole il sigillo e lo trova all’81’, trafiggendo Mataluna con un destro sul secondo palo. Nel finale girandola di cambi e c’è spazio per tanti giovani talenti in ambo le compagini. L’Hermes Casagiove non molla e mantiene aperta la partita all’87’, con l’incornata di Gallo che svetta sul primo palo e capitalizza l’angolo di Perfetto. La rete dà nuova linfa ai giovani giallorossi che, con grande orgoglio, si proiettano in avanti. Il cuore della baby gang mette paura alla Virtus Goti che viene colpita nuovamente dalla scivolata della new entry Di Balsamo che corregge in rete il cross di Scognamiglio (94’). Purtroppo per i giallorossi mancano pochi secondi, nei quali l’arbitro commina la seconda ammonizione a Capone, per aver perso troppo tempo in occasione della ripresa di gioco a centrocampo. Non c’è più tempo e la partita termina col punteggio di 2-3, ma per la giovane Hermes lo scatto finale è fondamentale per il morale in vista del girone di ritorno. 

 

Tabellino: HERMES CASAGIOVE-VIRTUS GOTI = 2-3 (parziali: 0-2; 2-1)

HERMES CASAGIOVE: Mataluna, Perna (82’ Vertuccio), Scognamiglio, Gallo, Rossi, De Spirito, Jelassi (76’ Pasquariello), Piscopo, Cipro (78’ Di Balsamo), Perfetto, Casale (64’ Grieco). In panchina: Silvestre, Merola, Papa. Allenatore: Nicola Ferrara

VIRTUS GOTI: Casaburi, Guarino (88’ Orecchio), Tomaciello (46’ Mallardo), Salvatore, Nostrale, Laezza (73’ Parente), Larucci, Florio, Russo (84’ Mauriello), Capone, Piscitelli (55’ Pace). In panchina: Diba, Annunziata. Allenatore: Nicola Facchino

RETI: 5’ Piscitelli (V), 26’ Capone su rig. (V), 81’ Russo (V), 87’ Gallo (H), 94’ Di Balsamo (H)

ARBITRO: Carmine Caso di Frattamaggiore (assistenti: Francesco Varchetta e Nicola Pone di Nola)

NOTE: Ammoniti: De Spirito (H); Piscitelli (V). Espulso: Capone (V). Angoli: 1-5. Fuorigioco: 2-5. Recupero: 1 nel primo tempo; 5 nel secondo tempo. Spettatori: 50 circa

DOMENICO VASTANTE

UFFICIO STAMPA A.S.D. HERMES F.C. CASAGIOV

La Redazione